Notizie
Tutte le ultime notizie dalla delegazione regionale Lombardia di Fondazione Italiana Sommelier

La nuova stagione didattica è iniziata

Dopo il divertimento il… piacere dei corsi. Adesso tutti sotto i banchi. Riparte la stagione didattica e il 16 novembre un evento degustazione Timorasso da non perdere

15/10/2017
Walter Massa di Monleale (Al) racconterà l’affascinante storia enologica del Timorasso
Walter Massa di Monleale (Al) racconterà l’affascinante storia enologica del Timorasso
A Milano si è ripartiti con il  2° Corso di Qualificazione Professionale per Sommelier, seconda parte (dal 04/10/2017, ogni settimana inizio lezioni ore 20). 

Proseguono intanto anche gli studi in Franciacorta con il 1° Corso di Qualificazione Professionale per Sommelier, che è giunto alla sua terza parte (dal 03/10/2017). 
 
A ottobre c’è chi parte per il viaggio della formazione dall’inizio con il 3° Corso di Qualificazione Professionale per Sommelier, prima parte (dal 23/10/2017 ogni settimana inizio ore 20). 
 
Per il Corso di Sommelier dell'Olio Extravergine di Oliva si dovrà aspettare il nuovo anno, quando è fissato con un turno unico, in calendario dal 01/02/2018. 
 
Eventi da degustare arrivano. Un grande evento di degustazione è previsto a Milano, giovedì 16 novembre (due giorni prima della magica serata Cinque Grappoli Bibenda!) e propone un titolo che racconta tutto: Walter Massa & Timorasso: seducenti bagliori del gioiello bianco tortonese.

In un unico turno, dalle ore 20 alle 22.30, presso Hotel Principe di Savoia - piazza della Repubblica 17, Milano, la Fondazione Italiana Sommellier Lombardia ti guida in un percorso approfondito e pieno di emozioni naturali alla scoperta del Timorasso, un vino prodotto attraverso un vitigno a bacca bianca autoctono, rivalutato da non molti anni e coltivato in alcune valli del Tortonese, dove suolo e clima offrono l’habitat ideale.
 
Il Timorasso, era coltivato sin dal Medioevo proprio sulle colline che si incontrano all’incrocio di 4 regioni (Piemonte, Lombardia, Liguria ed Emilia Romagna) e siamo ad un’ora da Milano da Torino da Genova da Piacenza.  

Nel corso dei secoli, noto come Torbolino diviene il più importante vitigno bianco piemontese per superficie e quantità prodotte. L’abbandono delle aree agricole conseguenti al boom economico del secondo dopoguerra e la difficoltà della sua coltivazione ne decretano il progressivo declino.

Solo sul finire degli anni ’80, grazie soprattutto all’iniziativa di Walter Massa di Monleale, il Timorasso rinasce dando vita a un bianco unico, profondo e minerale, dotato di grande freschezza e una spiccata tendenza a sviluppare profumi terziari.
 
Vino profondamente legato al territorio, dal 2015 può chiamarsi Derthona, dall’antico nome della cittadina piemontese, dichiarando così anche nel nome la propria origine.
Giovedì 16 novembre,  con Walter Massa presente in sala, sarà possibile conoscere l’affascinante storia enologica del Timorasso, apprezzandone la capacità di evoluzione nel tempo, attraverso la degustazione di alcune annate.
 
I vini in degustazione sono sei:  2015 Derthona, 2013 Costa del vento,  2013 Montecitorio, 2010 Costa del vento,  2010 Montecitorio,   2010 Sterpi. L’ingresso alla degustazione (40 euro alla prenotazione del posto in sala) è consentito esclusivamente agli iscritti alla Fondazione Italiana Sommelier in regola con la quota associativa annuale. Eccezionalmente per questo evento gli iscritti possono venire accompagnati da due persone.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Stampa la pagina